top of page

GLI APPROFONDIMENTI PER AREA TEMATICA
clicca sulla scheda di interesse

Forfettari.png

Marzo 2021

Contratti a TEMPO DETERMINATO

One Line Drawing Isolated Vector Object

Marzo 2021

Proroga rinnovi
CONTRATTI A TERMINE

Le novità contenute nel Decreto Sostegni

One Line Drawing Isolated Vector Object

Aprile 2021

Esonero contributivo UNDER 36

Gli incentivi per le assunzioni di giovani

ESONERO CONTRIBUTIVO UNDER 36

L’Inps, con circolare n. 56 del 12 aprile 2021, ha fornito le prime indicazioni operative in merito all’esonero contributivo per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato, in contratti a tempo indeterminato, effettuate nel biennio 2021/2022.

Si rimane comunque in attesa dell’autorizzazione della Commissione europea.

A CHI SI APPLICA

L’esonero under 36 è riconosciuto a tutti i datori di lavoro privati ivi compresi i datori di lavoro del settore agricolo.

BENEFICIARI

L’incentivo spetta per le nuove assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato, effettuate nel biennio 2021-2022 e per i soggetti che, alla data dell’evento incentivato, non abbiano compiuto il trentaseiesimo anno d’età (età inferiore o uguale a 35 anni e 364 giorni). Ulteriore requisito da rispettare è che gli stessi non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro, nel corso della loro vita lavorativa.

Non sono inclusi dal beneficio in questione:

• i rapporti di apprendistato;
• i contratti di lavoro domestico;
• i contratti di lavoro intermittenti (ancorché stipulati a tempo indeterminato);
• i rapporti di lavoro a tempo indeterminato di personale con qualifica dirigenziale:
• le prestazioni di lavoro occasionale ex art. 54-bis del decreto legge n. 50 del 2017 convertito in legge n. 96/2017.


L’art. 1, comma 13 della legge bilancio 2021, esclude, inoltre, in maniera chiara che l’esonero under 36 possa essere applicato alle prosecuzioni dei contratti a termine del periodo di apprendistato e alle assunzioni di cui all’art. 1 commi 106 e 108 della legge bilancio 2018.

AMMONTARE

L’incentivo introdotto dalla legge di Bilancio 2021 è pari all’esonero dal versamento del 100% per 36 mesi dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui. La soglia massima di esonero della contribuzione datoriale riferita al periodo di paga mensile è pari a 500 euro (€ 6.000/12) e, per rapporti di lavoro instaurati e risolti nel corso del mese, detta soglia va riproporzionata assumendo a riferimento la misura di 16,12 euro (€ 500/31) per ogni giorno di fruizione dell’esonero contributivo. Nelle ipotesi di rapporti di lavoro a tempo parziale, il massimale dell’agevolazione deve essere proporzionalmente ridotto.

ESONERO UNDER 36

PROROGA RINNOVI CONTRATTI A TERMINE
L'art. 93 17 del decreto legge Sostegni, prevede la possibilità di rinnovare o prorogare fino al 31 dicembre 2021, per una sola volta, il contratto di lavoro subordinato a tempo determinato:

- anche in assenza delle causali;

- la proroga avvenuta durante la vigenza della norma non dovrà essere computata nel nel limite delle quattro proroghe a disposizione del datore di lavoro;

- viene sospesa anche la regola che dispone, in caso di rinnovo di un contratto a tempo determinato, una vacanza contrattuale (cd. «Stop & go») di almeno 10 o 20 giorni dal precedente contratto a termine, a seconda che il contratto, appena terminato, sia stato di una durata sino a sei mesi, ovvero superiore ai sei mesi.

La mancata obbligatorietà, nell’applicazione di queste regole (obbligo di motivazione, numero proroghe e «Stop & go»), può avvenire solo una volta con il medesimo lavoratore e questo limite avrà efficacia dalla vigenza del decreto “Sostegni”, senza tener conto di eventuali rinnovi o proroghe sulle quali l’agevolazione sia stata già utilizzata.

 

Ricordiamo che la disposizione agevolante prevede due limiti di durata:

a) il contratto a termine agevolato (rinnovo o proroga) non potrà superare i 12 mesi;

b) la durata massima complessiva, tra tutti i rapporti di lavoro a termine intercorsi con il lavoratore, non potrà essere superiore ai 24 mesi.

PROROGA RINNOVI CONTRATTI A TERMINE
bottom of page